Seleziona una pagina

Assistenza informatica Bologna

Un semplice errore sarebbe la causa dei costi di assistenza

Riguardo l’assistenza informatica, Il mercato della micro impresa in Italia è abituato a ragionare come il mercato dei privati. Infatti generalmente nella micro impresa, l’imprenditore è anzitempo lui stesso un privato cittadino dentro la sua azienda, e ne adotta i medesimi schemi. Il fulsso tradizionale quindi è sempre quello:

  1. acquisto di tecnologia informatica;
  2. assistenza informatica;
  3. consulenza informatica.

Tutto parte da un problema a cui l’imprenditore pensa di dare risoluzione con l’acquisto di un prodotto. Il prodotto acquistato non tiene conto del contesto, della qualità richiesta e della necessaria configurazione per eseguire il compito previsto. Per cui una volta immesso nell’azienda, il prodotto aquistato genererà dei problemi. Tali problemi richiederanno l’intervento di assistenza tecnica e poiché il prodotto alla base non è quello giusto, tali interventi di assistenza si susseguiranno svariate volte. Ad un certo punto, l’imprenditore accortosi del paradosso che costa di più l’assistenza tecnica del prodotto, deciderà di servirsi della consulenza informatica per risolvere alla radice la questione e progettare una soluzione perfettamente funzionante fin dal principio, spendendo meno di quanto ha speso fino a quel momento. Fine della storia.

Dare il giusto ruolo all’assistenza informatica

Esempio concreto invece, di un caso aziendale in cui un cliente usufruisce correttamente delle 3 prestazioni informatiche distinte, nel giusto ordine: consulenza, vendita ed assistenza. Il responsabile risorse umane di un’azienda meccanica possiede un computer portatile ultrasottile e vorrebbe aumentare memoria ram e spazio disco. Le fasi che incontrerà per la realizzazione del suo intento sono le seguenti tre:

FASE 1 – Consulenza informatica
Il cliente deve accertare se il pc in oggetto può essere espanso e quali sono i componenti corretti necessari all’espansione. A meno che il proprietario del pc non sia un esperto oppure non disponga di un esperto all’interno dell’azienda, occorrerà una prestazione di consulenza informatica per valutare se l’oggetto del cliente possa essere espanso e quali prodotti siano idonei, indicando un range di costo medio. Tale prestazione di consulenza viene erogata in forma scritta e normalmente rientra in un’ora per l’esempio indicato, ma può variare a seconda della complessità della richiesta del cliente.

FASE 2 – Acquisto della fornitura
Il cliente, che ha quindi già la lista dei prodotti da acquistare, chiede un preventivo ed eventualmente ordina il materiale.

FASE 3 – Assistenza informatica
Il cliente chiede la prestazione di assistenza informatica per l’installazione e la configurazione del materiale ordinato.
Quando un cliente chiama un rivenditore direttamente, è normale che nella maggior parte dei casi gli venga detto che non è possibile fare quello che il cliente vorrebbe fare, per il semplice fatto che i margini di guadagno nella vendita di materiale informatico sono talmente bassi che non possono includere nel prezzo le prestazioni di consulenza ed assistenza post vendita.